Gli interventi di recupero del patrimonio edilizio beneficiano di importanti agevolazioni
fiscali, sia quando si effettuano sulle singole unità abitative sia quando riguardano
lavori su parti comuni di edifici condominiali.
La più conosciuta tra queste agevolazioni è sicuramente quella disciplinata dall’articolo
16-bis del Dpr n. 917/86 (Testo unico delle imposte sui redditi), che consiste in una
detrazione dall’Irpef del 36% delle spese sostenute, fino a un ammontare complessivo
delle stesse non superiore a 48.000 euro per unità immobiliare.
Per le spese effettuate nel periodo compreso tra il 26 giugno 2012 e il 30 giugno 2013,
il decreto legge n. 83/2012 ha elevato al 50% la percentuale di detrazione e a 96.000
euro l’importo massimo di spesa ammessa al beneficio.
Questi maggiori importi sono poi stati prorogati più volte da provvedimenti successivi.
Da ultimo, la legge di bilancio 2022 (legge n. 234 del 30 dicembre 2021) ha prorogato
al 31 dicembre 2024 la possibilità di usufruire della maggiore detrazione Irpef (50%) e
del limite massimo di spesa di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare.
Salvo che non intervenga una nuova proroga, dal 1° gennaio 2025 la detrazione
tornerà alla misura ordinaria del 36% e con il limite di 48.000 euro.
In aggiunta alle agevolazioni in vigore, il decreto legge n. 34/2020 ha introdotto
importanti disposizioni riguardanti il cosiddetto “Superbonus”, che permettono di
usufruire di una detrazione ancora maggiore (pari al 110%) per la realizzazione di
alcune tipologie di interventi (per esempio, interventi antisismici, quelli finalizzati alla
eliminazione delle barriere architettoniche, installazione di impianti fotovoltaici).
Il decreto, inoltre, ha previsto la possibilità di optare, invece della fruizione diretta
della detrazione, per un contributo anticipato sotto forma di sconto dai fornitori dei
beni o servizi (sconto in fattura) o, in alternativa, per la cessione del credito
corrispondente alla detrazione spettante. Per esercitare l’opzione occorre, tuttavia,
rispettare determinati adempimenti (si veda il paragrafo 1.5.2).
Nell’ambito dei lavori di recupero del patrimonio edilizio previsti dall’articolo 16-bis del
Tuir, è possibile operare questa scelta per gli interventi indicati nelle lettere a), b), d)
e h): manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo,
ristrutturazione edilizia e, per le parti comuni degli edifici, manutenzione ordinaria; è
prevista, inoltre, per la realizzazione di autorimesse o posti auto pertinenziali e per
l’installazione di impianti fotovoltaici.
I benefici fiscali per i lavori sul patrimonio immobiliare non si esauriscono con la
detrazione Irpef.
Altre significative agevolazioni, infatti, sono state introdotte negli anni. Tra queste, per
esempio, la possibilità di pagare l’Iva in misura ridotta e quella di portare in detrazione gli interessi passivi pagati sui mutui stipulati per ristrutturare l’abitazione principale. In più, le detrazioni per l’acquisto di immobili a uso abitativo facenti parte di edifici interamente ristrutturati e quelle per la realizzazione o l’acquisto di posti auto.
La guida intende fornire le indicazioni utili per richiedere correttamente tutti questi
benefici fiscali, illustrando modalità e adempimenti.
I contribuenti interessati a richiedere la detrazione del 110%, per i lavori ammessi a
tale agevolazione, possono consultare l’apposita guida sul Superbonus disponibile sul
sito dell’Agenzia nella sezione “l’Agenzia informa”.

Per maggiori informazioni, consultare la guida qui sotto:

Guida_Ristrutturazioni_edilizie_2022.pdf

Articolo pubblicato in data: 18 Ottobre 2022.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.