Certificazione FGAS

Gas fluorurati

I gas fluorurati a effetto serra sono composti e miscele chimiche che hanno trovato una larga diffusione applicazione nei più svariati settori industriali.
Vista la loro composizione chimica, hanno un forte impatto ambientale e una loro elevata concentrazione comporta danni elevati contribuendo ad accelerare il fenomeno del riscaldamento globale del pianeta.

Regolamento UE sui gas fluorurati

L’Unione Europea, per far fronte ai cambiamenti climatici in atto, nel 2007 ha redatto il regolamento fgas con l’obiettivo di disincentivare l’utilizzo di queste sostanze e ridurne drasticamente le emissioni fino a una loro integrale sostituzione con miscele meno dannose.

Il regolamento fgas stabilisce quindi una serie di requisiti specifici e di obblighi da ottemperare nell’uso e nella manutenzione di apparecchiature contenenti gas fluorurati.

Quali apparecchiature?

  • impianti fissi di refrigerazione e condizionamento d’aria
  • pompe di calore
  • estintori e sistemi fissi di protezione antincendio

A chi si rivolge il regolamento F-GAS ?

Responsabile degli obblighi normativi previsti dal regolamento è l’operatore dell’apparecchiatura.
Con il termine operatore si intende: “una persona fisica o giuridica che eserciti un effettivo controllo sul funzionamento tecnico delle apparecchiature e degli impianti”.

Per comprendere chi effettivamente sia l’operatore occorre sapere che il controllo sul funzionamento tecnico include:

  • libero accesso all’impianto, che comporta la possibilità di sorvegliarne i componenti e il loro funzionamento, e la possibilità di concedere l’accesso a terzi;
  • controllo sulla gestione ordinaria e sul funzionamento (ad esempio, prendere la decisione di accensione e spegnimento);
  • potere di decidere in merito a modifiche tecniche (ad esempio, la sostituzione di un componente, l’installazione di un sistema di rilevamento permanente delle perdite), alla modifica delle quantità di gas fluorurati nell’apparecchiatura o nell’impianto, e all’esecuzione di controlli o riparazioni.

Pertanto nella maggioranza dei casi e in particolare nel caso di dispositivi domestici di piccole dimensioni l’operatore coincide con il proprietario dell’apparecchiatura o dell’impianto. Mentre nel caso di grandi installazioni ad uso commerciale in genere ci si rivolge a imprese specializzate che si fanno carico di tutte le responsabilità.

Il proprietario può fare una delega formale tramite contratto scritto ad una persona o Società esterna l’effettivo controllo dell’apparecchiatura o del sistema: la trasmissione dei dati contenuti nella dichiarazione deve essere fatta dalla società suddetta, in quanto operatore. Il proprietario, pur rimanendo Operatore può anche delegare ad una terza persona o Società la compilazione della dichiarazione.

Quali obblighi prevede il regolamento FGAS?

  1. Tenuta di un libretto di impianto per tutte le apparecchiature che superano un determinato quantitativo di gas frigorifero;
  2. Iscrizione delle apparecchiature al registro ISPRA con indicazione delle eventuali riparazioni effettuate, da effettuarsi con cadenza annuale;
  3. Obbligo di verifica dell’assenza di fughe di gas;
  4. Uso di personale e aziende in possesso di certificazione per l’installazione, la manutenzione e lo smaltimento del gas.

E se acquisto un condizionatore o dispositivo contenente F-GAS cosa devo sapere ?

Sono previste anche delle norme a cui hanno l’obbligo di adempiere tutti i rivenditori di condizionatori e dispositivi contenenti fgas, in particolare:

  1. tenere e aggiornare un registro di vendita su cui annotare il numero e la tipologia di dispositivi a base di fluorurati alienati;
  2. vendere tali dispositivi esclusivamente a imprese dotate di certificazione fgas e attestazione idonea;
  3. vendere i dispositivi in questione soltanto a chi può dimostrare che l’installazione dei condizionatori sarà condotta da imprese o tecnici provvisti di certificazione.

In pratica, è ora assolutamente vietata la vendita di un condizionatore ad un privato ove questi non sia in grado di dimostrare che l’impianto sarà installato da un operatore specializzato.

Quali sanzioni rischio se non rispetto gli obblighi previsti dal regolamento F-GAS?

  • L’ operatore che non ottempera agli obblighi di controllo delle perdite è punito con sanzioni da 7.000 a 100.000 euro.
  • L’ operatore che per il controllo e la riparazione delle perdite non si avvale di persone in possesso del certificato fgas è punito con sanzioni da 10.000 a 100.000 euro.
  • L’operatore che non tiene il registro dell’apparecchiatura o del sistema è punito con sanzioni da 7.000 a 100.000 euro.
  • L’ operatore che tiene i registri in modo incompleto, inesatto o non conforme è punito con sanzioni da 7.000 a 100.000 euro.
  • L’ operatore che non mette il registro a disposizione delle autorità competenti è punito con sanzioni da 500 euro a 5.000 euro.

Sei stanco di preoccuparti e non vuoi più pensare a nulla?

Rivolgiti a noi! Ti seguiremo al meglio per ottemperare alla normativa fgas.

Abbiamo regolare certificazione F-GAS e al nostro interno operano tecnici in possesso di patentino.

Contattaci

Torna su